SELECT LANGUAGE AND SHIPPING COUNTRY

Soldering

I semplici saldatori raggiungono una temperatura determinata dall'equilibrio termico, dipendente dalla potenza assorbita e dal raffreddamento dell'ambiente e dei materiali con cui viene a contatto. La temperatura del ferro diminuirà a contatto con una grande massa di metallo come un telaio; un piccolo ferro perderà troppa temperatura per saldare una grande connessione. I ferri più avanzati per l'uso in elettronica hanno un meccanismo con un sensore di temperatura e un metodo di controllo della temperatura per mantenere costante la temperatura della punta; più potenza è disponibile se una connessione è grande. I ferri a temperatura controllata possono essere indipendenti, oppure possono comprendere una testa con elemento riscaldante e punta, controllata da una base chiamata stazione di saldatura, con circuiti di controllo e regolazione della temperatura e talvolta display.
 
Una varietà di mezzi è usata per controllare la temperatura. Il più semplice di questi è un controllo di potenza variabile, molto simile a un dimmer leggero, che modifica la temperatura di equilibrio del ferro senza misurare o regolare automaticamente la temperatura. Un altro tipo di sistema utilizza un termostato, spesso all'interno della punta del ferro, che accende e spegne automaticamente l'elemento. Un sensore termico come una termocoppia può essere usato in congiunzione con i circuiti per monitorare la temperatura della punta e regolare la potenza erogata all'elemento riscaldante per mantenere una temperatura desiderata.
 
Un altro approccio consiste nell'utilizzare punte di saldatura magnetizzate che perdono le loro proprietà magnetiche a una temperatura specifica, il punto di Curie. Finché la punta è magnetica, chiude un interruttore per fornire energia all'elemento riscaldante. Quando supera la temperatura di progetto, apre i contatti, raffreddandosi finché la temperatura non si abbassa abbastanza da ripristinare la magnetizzazione. I ferri più complessi di Curie-point fanno circolare una corrente CA ad alta frequenza attraverso la punta, usando la fisica magnetica per dirigere il riscaldamento solo dove la superficie della punta scende al di sotto del punto di Curie.
 
Una stazione di saldatura, sempre a temperatura controllata, è costituita da un'alimentazione elettrica, un circuito di controllo con possibilità di regolazione della temperatura e del display da parte dell'utente e un saldatore o una testa di saldatura con un sensore di temperatura a punta. La stazione avrà normalmente un supporto per il ferro caldo quando non in uso, e una spugna bagnata per la pulizia. È più comunemente usato per la saldatura di componenti elettronici. Altre funzioni possono essere combinate; ad esempio una stazione di rilavorazione, principalmente per componenti a montaggio superficiale, può avere una pistola ad aria calda, uno strumento di raccolta del vuoto e una testa di saldatura; una stazione dissaldante avrà una testa dissaldante con pompa per vuoto per dissaldare componenti a foro passante e una testa di ferro di saldatura.
 
Rilavorazione (o rielaborazione) è il termine per l'operazione di rifinitura o riparazione di un assieme di circuiti stampati elettronici (PCB), che di solito implica dissaldatura e ri-saldatura di componenti elettronici montati sulla superficie (SMD). Le tecniche di elaborazione di massa non sono applicabili alla riparazione o alla sostituzione di un singolo dispositivo e sono necessarie tecniche manuali specializzate da parte di personale esperto che utilizza apparecchiature appropriate per sostituire i componenti difettosi; i pacchetti di array di area come i dispositivi BGA (Ball Grid Array) in particolare richiedono competenze e strumenti appropriati. Una stazione ad aria calda o ad aria calda viene utilizzata per riscaldare i dispositivi e fondere la saldatura e vengono utilizzati strumenti specializzati per raccogliere e posizionare componenti spesso piccoli.
 
Una stazione di rilavorazione è un luogo in cui svolgere questo lavoro: gli strumenti e le forniture per questo lavoro, in genere su un banco di lavoro.